PER UNA TRACCIA DI LIBERTA’: L’INCONTRO CON STUDENTI DEL POLITECNICO E IL GRUPPO DELLA TRASGRESSIONE

rimaflowadmin 23 dicembre 2017 Commenti disabilitati su PER UNA TRACCIA DI LIBERTA’: L’INCONTRO CON STUDENTI DEL POLITECNICO E IL GRUPPO DELLA TRASGRESSIONE

Importante incontro quello che si è svolto martedì scorso a RiMaflow  con gli studenti di Architettura del Politecnico di Milano, con i loro docenti ed esponenti del Gruppo della Trasgressione* .

La collaborazione tra il Politecnico di Milano, la Direzione del carcere di Bollate e il Gruppo della Trasgressione, che lavora per “ promuovere l’evoluzione del cittadino, libero e detenuto, e delle sue relazioni con la collettività e prevenire i fenomeni di disagio e devianza”,  ha portato  all’incontro con RiMaflow per la costruzione di una struttura in legno chiamata “TRACCIA DI LIBERTÀ, dalle dimensioni di 3x3x3 mt quale rappresentazione simbolica, ma reale, di incontro tra la città e la popolazione penitenziaria .  La struttura verrà realizzata da RiMaflow e montata nel mese di maggio 2018 nello spazio del Giardino degli incontri del Carcere di Bollate come luogo ideale di condivisione, di promessa e di speranza”. 

A monte di questa realizzazione c’è il lavoro di studio e di progettazione degli studenti di Architettura Urbanistica e Ingegneria delle Costruzioni seguiti dai loro docenti Andrea Di Franco, Chiara Merlini, Michele Moreno e Lorenzo Consalez: “gli studenti suddivisi in gruppi di lavoro  elaborano il progetto in modo partecipato attraverso l’interazione diretta con i detenuti del Carcere di Bollate e tramite la guida e  il coordinamento del dott. Angelo Aparo* con la sua associazione Trasgressione”.

La presentazione del progetto,  illustrato dai docenti Andrea Di Franco e Michele Moreno e dal Dott. Angelo Aparo, ha dato luogo a  un primo confronto con gli artigiani di RiMaflow  sulle problematiche costruttive del modulo da realizzare e ci ha dato la possibilità di far conoscere da vicino la nostra esperienza e le nostre attività lavorative.

RiMaflow ringrazia il Gruppo della Trasgressione e il Politecnico, i docenti e gli studenti, per questa importante opportunità di lavoro e di collaborazione  che ci viene offerta e che ci trova in  sintonia con gli intenti del progetto presentatoci.

*il Gruppo della Trasgressione coordinato da Angelo Aparo, psicologo presso la Casa Circondariale di San Vittore, psicoterapeuta e docente di Psicologia della devianza, è composto da detenuti ed ex detenuti del carcere di Milano, da studenti e neolaureati di Psicologia e Giurisprudenza ed operano nei carceri di S. Vittore, Opera e Bollate, nella sede esterna dell’ASL Milano di Via Conca del Naviglio e collabora con decine di insegnanti e artisti.

Comments are closed.