l’articolo de “Il GIORNO” SUL FABLAB DELLA SCUOLA COPERNICO E la cooperazione di RIMAFLOW

rimaflowadmin 14 marzo 2018 Commenti disabilitati su l’articolo de “Il GIORNO” SUL FABLAB DELLA SCUOLA COPERNICO E la cooperazione di RIMAFLOW

Lavoratori e lavoratrici RiMaflow con il Comitato Genitori della Scuola Copernico

da “il Giorno” – 14 marzo 2018

FabLab, ecco l’atelier della buona scuola

Al Copernico grazie a genitori e aziende è nato il laboratorio creativo digitale: due aule dove gli alunni della primaria potranno imparare elettronica e robotica. I lavoratori della rinata fabbrica RiMaflow hanno contribuito con i PC

Di: Francesca Grillo – Corsico (Mi)

La scuola buona, quella che crea sinergia, collaborazione, senso civico e di responsabilità. All’Istituto Copernico, dove ci sono le classi della primaria, è nato un progetto. L’idea è di qualche mese fa e a sentire i genitori almeno all’inizio sembrava impossibile. Ma ce l’hanno fatta e lo hanno realizzato. Si chiama FabLab, sottotitolo: l’atelier creativo digitale. Da fuori è una semplice area della scuola, una stanza grande colorata e ristrutturata, resa accogliente dai genitori dei piccoli che si sono rimboccati le maniche e hanno cambiato completamente il look alle vecchie aule inutilizzate. Uno spazio adeguato dove riporre materiale di tecnologia e robotica, “dove la didattica si fa attiva”, commentano anche gli insegnanti che potranno usufruire di kit per la robotica educativa, per il coding ( la programmazione digitale), per l’elettronica educativa e il tinkering, una parola inglese che significa armeggiare, un’officina dove si impara a “pensare con le mani” e  studiare scienze, tecnologia, ingegneria (uno dei poli di riferimento è il museo della Scienza e della Tecnologia di Milano).

Nuovi colori per le due aule: sopra il bianco sono stati messi il blu, il rosso, il giallo e l’argento, mentre il nome FabLab è stato costruito con i mattoncini Lego. Tutto realizzato con materiali di recupero e tanta abilità creativa dei genitori. Ma non solo. Si parlava di sinergia e collaborazione: “Grazie a RiMaflow, a BuonMercato e a LapisBlue e GBDue e alle Monelle Party per l’allestimento”, hanno detto i genitori durante l’inaugurazione. I lavoratori della fabbrica recuperata di Trezzano RiMaflow hanno infatti messo a disposizione i pc “che permetteranno ai piccoli di apprendere i primi passi di informatica – dicono i dipendenti – Per noi è stata un’esperienza bellissima e siamo orgogliosi di dimostrare che  il nostro impegno, oltre a creare opportunità di lavoro nella nostra fabbrica, che era destinata all’abbandono, è una risorsa per il territorio”. L’associazione BuonMercato, invece, ha offerto la merenda genuina per far scoprire ai bambini l’importanza del cibo sano. lapisBlue e GBDue hanno messo a disposizione i banchi colorati. “Non è facile entrare in un istituto e vedere un protagonismo così bello, per cercare di migliorare insieme l’idea di scuola che vogliamo coltivare – gha detto il dirigente Alberto Ardizzone – . Questa scuola ha subito delle intrusioni, proprio mentre mettevamo in piedi il Fab Lab. Ora è il riscatto”

 

 

 

 

Comments are closed.