WHIRLPOOL – NAPOLI NON MOLLA

rimaflowadmin 1 novembre 2019 Commenti disabilitati su WHIRLPOOL – NAPOLI NON MOLLA

Trezzano 1 novembre 2019

RiMaflow ieri era a Napoli a portare la nostra solidarietà ai lavoratori e lavoratrici Whirlpool in lotta per la difesa del posto di lavoro.

Dopo la bella, partecipata e combattiva manifestazione abbiamo incontrato i lavoratori nella loro fabbrica. Un incontro che riteniamo importante, non solo per aver conosciuto da vicino la loro lotta ma anche per il confronto avuto.

Abbiamo discusso sulla lotta in corso e di autogestione come una delle possibili soluzioni in campo, che se portata al tavolo delle trattative dai lavoratori e lavoratrici, permetterebbe loro di emanciparsi con forza dal giogo delle proposte al ribasso del padrone. La proprietà con la decisione di chiudere la fabbrica — una eccellenza come lo era la nostra Maflow — impoverirà un territorio dopo aver utilizzato i soldi dell’Unione europea per lo sviluppo del mezzogiorno. Anche questo, un comportamento molto simile a quello del padrone della Maflow, seppur in un conteso diverso. Simile anche la trafila di dichiarazioni tra chiusura dell’azienda, rinvii e ventilate ipotesi di lavoro — in questo caso si parla della possibilità di dare continuità occupazionale producendo container refrigerati— come strategia per fiaccare la resistenza dei lavoratori e delle lavoratrici con la sponda di alcune istituzioni e politici che enfatizzano sui risultati raggiunti.  Certo ottenere il rinvio è un primo risultato della grande lotta in corso ma come dicono i lavoratori/trici stessi occorre fare molta attenzione a non subire il “pacco” della strategia padronale del bastone e della carota! Per molti aspetti ci è sembrato di rivivere la nostra storia (comune a tante altre storie) quando il padrone polacco ventilava la possibilità della continuità lavorativa che invece nascondeva l’inganno di congelare la lotta per poi arrivare alla delocalizzazione dell’azienda. Ma ci sembra che tra i lavoratori/trici Whirlpool questa consapevolezza ci sia e quindi ci auguriamo che riescano, con la forza della loro lotta e con la solidarietà di cui hanno bisogno, a riprendersi il loro lavoro per dare serenità alla loro vita e a quelle delle loro famiglie.

LA WHIRLPOOL È DI CHI LAVORA!

SOLO LA LOTTA CI RENDE PIU’ FORTI”!!!

 

 

Comments are closed.