FIRMA E FAI FIRMARE L’APPELLO RIMAFLOW VIVRà

LE FIRME VANNO INVIATE A: INFO@RIMAFLOW.IT

SIGNATURES SHALL BE SENT TO: INFO@RIMAFLOW.IT

           

     

—————————————————————————–

PER VISIONARE LE FIRME DEL MONDO ACCADEMICO

E DELLA RICERCA CLICCA SULL’IMMAGINE

—————————————————————————–

Per leggere le adesioni e l’appello “con massimo & rimaflow” clicca sull’immagine

.

ADESIONI ALL’APPELLO “RIMAFLOW VIVRà”

“RIMAFLOW WILL LIVE” signatures received

FIRME PERVENUTE AL 24/10/18

 

  • MST, Movimento dos trabalhadores rurais Sem Terra, Via Campesina, Brasile
  • MPA- Movimento dos Pequenos Agricultores, Brasile 1
  • ECVC, European Coordination Via Campesina, Europa
  • La Economia de los/as trabajadores/as, red internacional de las empresas recuperadas workerscontrol.net
  • Réseau syndical international de solidarité et de lutte
  • Réseau pour l’autogestion, l’altermondialisme, les alternatives, l’écologie et le féminisme
  • Joao Pedro Stedile, MST, Brasile
  • Raùl Zibechi, saggista e ricercatore, Uruguay
  • Hugo Blanco Galdos, direttore di “Lucha indigena”, Perù
  • Gustavo Esteva, Universidad de la tierra, Oaxaca, Messico
  • Oscar Olivera Foromba, Fundacion Abril, Cochabamba, Bolivia
  • Eric Toussaint, portavoce del CADMT Internazionale
  • Andrés Ruggeri, UNAJ e Progr. Facultad abierta UBA, Buenos Aires
  • Fabio Resino, FACTA-Fed. arg. cooper. trabajadores autogestionados, Buenos Aires
  • Eleonora Forenzadeputata europea L’Altra Europa, Italia
  • Jaime Pastor, Editor de la revista Viento Sur, Madrid
  • Francisco Louça, membro del Consiglio di Stato per il Bloco de Esquerda, Portogallo
  • Miguel Urban, deputato europeo Podemos-Anticapitalistas, Spagna
  • Christine Poupin, portavoce di NPA, Francia
  • Philippe Poutou, Olivier Besancenot, Alain Krivine, NPA, ex candidati alle elezioni presidenziali – Francia
  • Daniel Tanuro, militant ecosocialiste, gauche anticapitaliste, Belgio
  • Sergio Pey, scrittore e poeta, Francia
  • Pierre Rousset, Europe solidaire sans frontiers (ESSF), Francia

 

  • SAT, Sindicato Andaluz de Trabajadores/as, EC Via Campesina, Andalusia
  • ARI, Associazione Rurale Italiana, EC Via Campesina, Italia
  • CGT, Confederacion General del Trabajo, Stato spagnolo
  • Solidaridad Obrera, Stato spagnolo
  • Union Syndicale Solidaires, Francia
  • Fédération Sud education, Francia
  • PPSWU, Palestinian Postal Service Workers Union, Palestina
  • I.E., Transnationals Information Exchange, Germania
  • IWW-JAM, Zurigo, Svizzera
  • Association pour l’Autogestion, Francia 2
  • Alternatives et Autogestion, Francia
  • Association “Terre et Liberté pour Arauco”, Francia
  • Comitato di Solidarietà con la Grecia, Colonia, Germania
  • Christine Riba Vernier, segretaria naz. Confederation Paysanne, Francia
  • Christophe Morantin, segretario Confederation Paysanne de la Drome, Francia
  • Oscar Reina, portavoce SAT-SOC, Andalusia
  • Antonio Onorati, Fabrizio Garbarino, ARI, Italia
  • Carlos Marentes, Border Agricultural Workers Project, Membro del collettivo migrazioni di la Via Campesina e del Comitato coordinamento internazionale la Via Campesina
  • Said Khir Allah, Secrétaire gènèral de la Federation nationals du secteur Agricole, Marocco
  • Red de apoyo personas refugiadas de Leganés, Madrid, Spagna

 

  • Moni Ovadia
  • Giuseppe De Marzo
  • Giovanni Impastato
  • Cecilia Strada
  • Caparezza
  • Francuccio Gesualdi
  • Adelmo Cervi
  • Paolo Cacciari
  • Gianni Tamino
  • Maurizio Acerbo
  • Francesco Martone
  • Alessandra Mecozzi
  • Silvia Pinelli
  • Domenico Finiguerra
  • Elvira Corona
  • Claudio Jampaglia
  • Paolo Limonta
  • Alfonso Gianni
  • Don Massimo Mapelli 3
  • Elio De Capitani
  • Francesco Piobbichi
  • Piero Maestri
  • Corrado Mandreoli
  • Luisa Morgantini
  • Aldo Zanchetta
  • Geraldina Colotti
  • Tommaso Sodano
  • Don Gino Rigoldi
  • Marco Cabassi
  • Lorena Portalupi
  • Stefania Capurso
  • Emma Siliprandi
  • Nicoletta Dosio
  • Valerio Evangelisti
  • Collettivo Wu Ming
  • Maurizio Maggiani
  • Cesare Bermani
  • Marco Bersani
  • Paolo Fior
  • Andrea Cegna
  • Assalti Frontali
  • Salvatore Cannavò
  • Simone Pieranni
  • Massimo Gatti 4
  • Basilio Rizzo
  • Roberta Turi
  • Aldo Marchetti
  • Bianca Beccalli
  • Lorenzo Bernini
  • Mercedes Mas Solé
  • Giso Amendola
  • Gennaro Avallone
  • Andrea Fumagalli 5
  • Cristina Morini
  • Daniele Barbieri
  • Giovanna Procacci 6
  • Don Franco Colombini7
  • Don Nicola Di Ponzio8
  • Padre Giuseppe Bettoni
  • Luciano Muhlbauer
  • Roberto Giudici
  • Nuria Selama
  • Marco De Luca
  • Umberto Gobbi
  • Ester Castano
  • Igor Bonazzoli
  • Marina de Ghantuz Cubbe
  • Martina Di Pirro
  • Francesca Forno
  • Paolo Roberto Graziano
  • Marina Bonecchi
  • Pina Sardella
  • Sergio D’Amia
  • Elio Teresi
  • Lidia Cirillo
  • Roberto Firenze
  • Flavia D’Angeli
  • Luciana Maroni
  • Vincenzo Vasciaveo
  • Franco Turigliatto
  • Elena Ciravolo
  • Checchino Antonini
  • Mauricio Pasquali
  • Guido Cavalca
  • Stefano Boni
  • Maria Grazia Meriggi
  • Isabella Balena
  • Edith Poirer
  • Mauro Van Aken
  • Francesco Locantore
  • Chiara Carratù
  • Antonello Zecca
  • Armando Morgia
  • Nando Simeone
  • Sandra Cangemi
  • Alessandra Corrado
  • Ivan Caccianiga
  • Chaix Rita
  • Camito Giampietro
  • Giampaolo Santini
  • Luciano Chiodo
  • Daniela roman
  • Daniela Luisa Andreis
  • Italo Di Sabato
  • Alessandra Durante
  • Tiziano Cardosi
  • Davide Migliorino
  • Daniele di Nunzio
  • Stefano Panzeri

 

DAL MONDO…

  • Dario Azzellini, profesor, Cornell University, Ithaca (EEUU)
  • Peter Ranis, profesor, CUNY, New York, Estados Unidos.
  • Mario Hernandez, Bachillerato Popular “Darío Santillán” – Buenos Aires – Argentina.
  • João Mineiro, Centro en Rede de Investigación en Antropología, Portugal.
  • Javier O’Ryan, gerente Cooperativa de Trabajo Coocrear, Chile.
  • Francisco J Cantamutto, Investigador IDAES-CONICET/Sociedad de Economía Crítica, Argentina.
  • Carlos E. Martinez, Cátedra de Antropología Social y Cultural. Escuela de Historia. Universidad Nacional de Córdoba. ProgramaRelación Capital/Trabajo. Ciecs-Conicet. UNC, Argentina.
  • Carolina Salazar – Investigadora. Venezuela.
  • Elizabeth A. Bowman, Ph.D., Presidente y Representante Legal, Centro para la Justicia Global, A.C., San Miguel de Allende, GTO, MEXICO.
  • Flávio Chedid Henriques – CoordenadorGeral do SOLTEC/UFRJ, Brasil.
  • Jesús Torres Niño, presidente de Corporación de Occidente, SA de CV, Jalisco, México.
  • Anabel Rieiro, Universidad de la República, Uruguay.
  • María Inés Fernández Álvarez, Instituto de Cs. Antropológicas, Universidad de Buenos Aires/CONICET, Argentina.
  • Marco A. Gómez, Area de Estudios del Trabajo, Universidad Autónoma Metropolitana-Xochimilco, Ciudad de México, México.
  • Savas Michael-Matsas, EEK-Greece
  • Dr Dan Ozarow, Middlesex University, London.
  • Heike Schaumberg, PhD., London.
  • Christy Petropoulou, Universidad del Egeo, Grecia.
  • Flora Partenio, Cátedra Libre Virginia Bolten/ Carrera de Relaciones del Trabajo-UNAJ, Argentina.
  • Andrés Rodriguez Revelés, Federación Gráfica Bonaerense, Buenos Aires, Argentina.
  • Irena Petrović, Facultad de Filosofía, Universidad de Belgrado, Serbia.
  • Marcelo Vieta, PhD, Assistant Professor, University of Toronto, Ontario, Canada.
  • Francisco Martinez, Director Cooperativa Textiles Pigüé, Argentina.
  • Valeria Mutuberría Lazarini, Instituto de la Cooperación, Argentina.
  • Karina Nazábal, defensoría del pueblo de la provincia de Buenos Aires, Argentina.
  • Luciana Augustavicus, Concejal, Lanús, Argentina.
  • José Luis Carretero Miramar.Secretario General de la Confederación Sindical Solidaridad Obrera (España)
  • Rafael Enciso P., Federación de Trabajadores del Estado, los Servicios Públicos y la Comunidad (UNETE), Bogotá, Colombia.

 

  • CNCT, Confederación Nacional de Cooperativas de Trabajo, Argentina.
  • FACTA, Federación Argentina de Cooperativas de Trabajadores Autogestionados, Argentina.
  • FEDECABA, Federación de Cooperativas Autogestionadas de Buenos Aires, Argentina.
  • GESTARA, Grupo de Empresas Sociales y Trabajadores Autogestionados de la República Argentina.
  • ACTRA, Federación Autogestión, Cooperativismo y Trabajo, Argentina.
  • FeTraEs, Federación de Trabajadores de la Economía Social, Argentina.
  • Flaskó , Fábrica Ocupada, Sumaré, Brasil.
  • COSUCOOP, Consejo Superior del Cooperativismo, , México. Tec. José Guadalupe Armenta Martínez, Presidente.
  • CULTRA – Cooperativa Culturas del Trabajo y Socialismo, Portugal.
  • Coocrear, Cooperativa de Trabajo, Chile.
  • TRADOC, Trabajadores Democráticos de Occidente fábrica recuperada, Guadalajara, México.
  • Sindicato de Obreros Curtidores, Argentina.
  • BAUEN, Cooperativa de Trabajo Buenos Aires Una Empresa Nacional Argentina.
  • La Cacerola, cooperativa de trabajo, Buenos Aires, Argentina
  • Cooperativa Textiles Pigüé, Argentina.
  • Cooperativa Cueroflex, Argentina.
  • Cooperativa Coenergía, Chile.
  • Cooperativa Jurídica, Chile.
  • Cooperativa Kincha, Chile.
  • Cooperativa Guasasapo, Chile.
  • Cooperativa de Trabajo Banquito de software, Argentina.
  • Callao Cooperativa Cultural, Argentina.
  • Raíz Social, Lanús, Argentina.
  • Casa de los Trabajadores, Córdoba, Argentina.
  • Cooperativa de Trabajo 19 de diciembre, Argentina.
  • Mesa de trabajo de Empresas recuperadas de San Martín, provincia de Buenos Aires, Argentina.

 

  • Programa Facultad Abierta, Facultad de Filosofía y Letras de la Universidad de Buenos Aires,
  • Instituto de Estudios sobre la Ciencia y la Tecnología de la Universidad de Quilmes (Argentina).
  • Instituto para la Inclusión Social y el Desarrollo Humano – Incluir Asociación Civil, Argentina.
  • Área de Articulación Territorial y Desarrollo Productivo Universidad Nacional de San Martín/Lectura Mundi, Argentina.
  • Cátedra de Cooperativismo, Tecnología y Economía Solidaria, carrera de Ingeniería Industrial, Universidad Tecnológica Nacional, regional Buenos Aires, Argentina.
  • Cátedra de Relaciones Laborales en la Economía Social y el Trabajo Autogestionado, Carrera de relaciones del Trabajo, Universidad Nacional Arturo Jauretche, Argentina.
  • Cátedra de Análisis Económico y Modelos de Desarrollo, Carrera de relaciones del Trabajo, Universidad Nacional Arturo Jauretche, Argentina.
  • Revista Autogestión para Otra Economía, Argentina.
  • Revista De Frente, Chile.
  • Fanfare Invisible, Francia.
  • Socialistisk Ungdomsfront , Danimarca

 

  • Michel Antony, responsable associatif
  • Janie Arneguy conseillère municipale Ensemble ! Nîmes
  • Bernadette Bouchard, militante altermondialiste et autogestionnaire, membre d’Ensemble !
  • Benoît Borrits, animateur Association pour l’autogestion
  • Béatrice Bossé, psychologue
  • Anne Bucas-Français, militante féministe et autogestionnaire
  • Nara Cladera, UL Solidaires Comminges
  • Florence Ciaravola, militante féministe et syndicaliste enseignante
  • Pierre Cours-Salies, sociologue
  • Marie Davée, militante autogestionnaire
  • Cybèle David, co-secrétaire fédérale de Sud éducation.
  • Bruno Della Sudda, militant altermondialiste et autogestionnaire, membre d’Ensemble!
  • Jean Fauche, retraité, syndicaliste, membre d’Alternatives et Autogestion
  • Patrick Fodella, altermondialiste, militant associatif et syndical
  • Franck Gaudichaud, Universitaire, Co-président de France Amérique Latine
  • Guy Giani,Militant altermondialiste et autogestionnaire
  • Jean Louis Griveau, conseiller municipal de Douarnenez (Finistère), membre d’Ensemble!
  • Odile Hélier
  • Christophe Lemasson, syndicaliste et militant autogestionnaire
  • François Longérinas, Militant altermondialiste et autogestionnaire
  • Christian Mahieux, Solidaires
  • Michel Mas, Militant syndical et associatif
  • Henri Mermé, militant autogestionnaire
  • Robi Morder, juriste, militant autogestionnaire
  • Richard Neuville, militant altermondialiste et autogestionnaire, syndicaliste
  • Evelyne Perrin, économiste et militante autogestionnaire
  • Jacques Pigaillem, militant autogestionnaire
  • Bernard Richard, documentariste
  • Gilles Sabatier, militant altermondialiste
  • Catherine Samary, économiste
  • Patrick Silberstein, éditeur
  • Etienne Simon, enseignant, syndicaliste à Solidaires
  • Jean Sintes, militant associative de Vaulx-en-Velin
  • Muriel Wolfers, syndicaliste
  • Helmut Born, ver.di Düsseldorf

 

Dall’Italia…

  • CUB, Confederazione Unitaria di Base 9
  • SIAL COBAS
  • USB, Unione Sindacale di Base
  • SI.COBAS
  • ADL COBAS
  • FIOM-CGIL Milano 10
  • COBAS Palermo
  • COBAS Scuola, Catania
  • USI, Unione Sindacale Italiana
  • COBAS Lavoro Privato
  • RSU SGB IKEA, Corsico,Carugate, S. Giuliano (Mi)
  • CUB Poste

 

  • Rete dei Numeri Pari11
  • Casa Memoria “Felicia e Peppino Impastato” , Cinisi 12
  • Associazione Peppino Impastato, Cinisi
  • Archivi della Resistenza, Fosdinovo13
  • Brigate di Solidarietà Attiva
  • Radio Aut per l’antimafia sociale
  • Collettivo Radio Aut, Palermo
  • Redazione Dinamopress, Roma
  • Redazione Comune.info, Roma
  • Redazione Communianet, Roma
  • Edizioni Alegre, Roma
  • EX OPG, Je so pazzo, Napoli
  • Osservatorio Repressione
  • Centri Sociali del NordEST
  • FUORIMERCATO, autogestione in movimento
  • ATTAC Italia
  • Rete Italiana di Economia Solidale14
  • RES – Rete Economia Solidale Lombardia
  • DESR, Distretto di economia solidale rurale Parco Agricolo Sud, Milano
  • DES – Distretto di economia solidale, Brianza
  • Ri-Make, Milano
  • NAGA, Milano15
  • Comitato di quartiere Baggio, Baggio bene comune, Milano
  • Circolo anarchico Ponte della Ghisolfa, Milano
  • Il Cantiere, Milano
  • Gasp-Spazio di mutuo soccorso, Milano
  • ZAM, Milano
  • Lambretta, Milano
  • LUME, Milano
  • Milano in movimento, Milano
  • Macao, Milano
  • Leoncavallo, Milano
  • Soy Mendel, Milano
  • Piano Terra, Milano
  • Federazione anarchica, Milano
  • Italia-Nicaragua, Milano
  • MPDL e Ri-Parco, Magenta
  • Eterotopia, San Giuliano M.se
  • SOS Fornace, Rho
  • CSA Fontanini, Lodi
  • Cascina Contina, Rosate
  • La Masseria, Cisliano
  • Cooperativa del popolo, Cisliano
  • La Barriera, Vigevano
  • Fuorimercato, Milano
  • ‘E Zezi Gruppo Operaio
  • Banda degli ottoni a scoppio, Milano
  • FONC fanfara, Milano
  • ANPI ATM, Milano
  • ANPI “Vera Nardini”, Trezzano sul Naviglio (MI)
  • ANPI, Crema e cremasco
  • Isola Art Center, Milano
  • Isola Pepe Verde, Milano
  • Teatro degli Incontri, Ass. Culturale Milano
  • Nessun Dorma, Corsico
  • Collettivo Controvento, Corsico
  • ARCI Traverso, trattoria popolare, Milano
  • Libreria Antigone, Milano
  • Gap Prealpi, Milano
  • La Casa in movimento, spazio sociale autogestito, Cologno M.
  • Comitato Baggio X, Milano
  • Spinta dal bass-No Tav, Avigliana, Val di Susa
  • OSA- Operai/e dello Spettacolo Associati, Macerata
  • Osservatorio migranti Basilicata
  • LIBERA, provinciale Treviso
  • Solidaria-Sfruttazero, Bread&Roses, Villa Roth, Ortocircuito, Bari
  • Diritti a Sud-Sfruttazero, Nardò
  • SOS Rosarno
  • Il Brigante, Serra San Bruno
  • Equosud, Reggio Calabria
  • Terranostra, Casoria
  • Officina solidale, Siena
  • La Comune di Bagnaia, Siena
  • Serperegolo, Siena
  • Refugees welcome, Siena
  • Gas Ginestreto, Siena
  • Mondeggi Bene Comune, Firenze
  • Terre di Lastra Bene Comune, Firenze
  • ContadinAzioni, Palermo e Campobello di Mazara
  • La Boje, Mantova
  • La Sobilla, Verona
  • Fuorimercato, Verona
  • Gas Verona (Matonele, Folaga rossa, Gassteb, Gaspolicella, Stella rossa,
  • Gasstelle, Gas del Garda, Bovolone, Gr.consumo critico Val d’Illasi)
  • Arci Persichello, Cremona
  • Communia, Karalò, Coll.Degender, Sharewood Roma
  • Scuola Fuorimercato, Roma
  • Fuorimercato, Bologna
  • Casa del popolo 20 pietre, Bologna
  • Gas Alchemilla e Camilla emporio di comunità, Bologna
  • Il popolo delle arance, Bologna
  • Giaz, Spaccio popolare autogestito, Bologna
  • Circolo anarchico Berneri, Bologna
  • Sopra i ponti, Bologna
  • Faced, Termoli
  • Laboratorio AQ 16, Reggio Emilia
  • Casa Bettola, Reggio Emilia
  • Cantiere sociale versiliese, Viareggio
  • Officina Dada Boom, Viareggio
  • Gruppo Autonomo, Viareggio
  • ESC Atelier, Roma
  • OZ, Officine Zero, Roma
  • CSA Astra, Roma
  • Lab Puzzle, Roma
  • Libera Repubblica San Lorenzo, Roma
  • Nuovo Cinema Palazzo, Roma
  • SCUP, Sport e cultura popolare, Roma
  • LOA Acrobax, Roma
  • Polisportiva All Reds, Roma
  • Di.Fro, Ass. Diritti di Frontiera, Roma
  • Communia, Livorno
  • Nuvola Rossa, Villa San Giovanni
  • Il Frantoio delle idee, Cinquefrondi
  • Collettivo Mamadou, Bolzano
  • Arci Porco Rosso, Palermo
  • Missionari Comboniani, Palermo
  • Handala, Palermo
  • Arte migrante, Palermo
  • Rete antirazzista, Catania
  • Riff raff, Salerno
  • Rete Radié Resch, Salerno
  • Autoproduzioni Casa Terra Terra, Salerno
  • Collettivo Autodeterminiamoci, Salerno
  • Spazio Pueblo, Cava dei Tirreni
  • AltroModo Flegreo, laboratorio per la cittadinanza attiva, Pozzuoli
  • L’isola che non c’è
  • DESBRI, verso il Distretto di Economia solidale
  • Collettivo Metropolis, Castellammare del golfo
  • Grup-pa, People’s Health Movement (PHM)
  • Centro di Salute Internazionale e Interculturale (CSI) – APS
  • Libera-Mente, società coop. Soc. ed.
  • Coordinamento Nord Sud del Mondo, Milano
  • Associazione Culturale LiberaMente , Corsico
  • Comitato Fà laCosa Giusta ! Sicilia
  • Arci, Comitato provinciale Siena
  • La Spilleria, Brew-public house, Cassina dé Pecchi
  • Gas A. Langer, Desenzano del Garda
  • Attac Grosseto
  • Artaban Soc. Coop. Sociale O.N.L.U.S. Cernusco sul Naviglio, Mi
  • Reti di Pace – laboratorio Monteverde Roma
  • GAS Manituana, Torino
  • Arci Massa Carrara
  • Ecomercato, Jesi

 

Appello Genuino Clandestino16

  • Campi Aperti, Bologna
  • Mondeggi Bene Comune, Firenze
  • Terra Terra, Roma
  • Genuino Valsusino
  • Corto Circuito Flegreo
  • Collettivo Utopia, Marigliano
  • Cucina clandestina, Napoli
  • Genuino amiatino, Monte Amiata, Toscana
  • Zolle nomadi, Lazio Autogestito
  • Genuino clandestino, Trieste
  • Alimentazione ribelle, Stella Nera, Modena
  • Movimento Terre, Puglia e Basilicata
  • ContadinAzioni, Palermo
  • Lupo nero, Sicilia
  • Seminterrati, Marche
  • Urupia, Francavilla Fontana

 

  • Sinistra Anticapitalista, Coordinamento nazionale
  • Alternativa Libertaria, FDCA
  • Potere al popolo, nazionale
  • Partito della Rifondazione Comunista, nazionale
  • Partito Rifondazione Comunista, Milano
  • Partito Rifondazione Comunista, Abbiategrasso
  • Rifondazione Comunista Biellese
  • Rifondazione Comunista Biellese
  • Circolo intercomunale “A. Gramsci” di Rifondazione Comunista del corsichese
  • Partito Rifondazione Comunista, Muggiò
  • Giovani Comunisti, Cremona
  • Partito Rifondazione Comunista, Partinico
  • Partito dei Carc, federazione lombarda
  • Campo giovani IV Internazionale, Billund, Danimarca 17
  • Liberi e Uguali, Milano

 

  • Clara e Stefano Quitadamo
  • Rosa Vaglio
  • Marco Semenzin
  • Cesare Casarino
  • Martina Lo Cascio
  • Manoela Patti
  • Gaspare Cavaliere
  • Marinella e Valerio Tradardi
  • Chiara Tradardi
  • Angela De Cristofaro
  • Elena Moretti
  • Tonino Lepore
  • Sonia Chelini
  • Laura Faustini
  • Alessandro Ruggi
  • Fabio Gatto
  • Angela Di Terlizzi
  • Mara Manzella
  • Yoanna Fernandez
  • Sara Marchesi
  • Stella Bernabò
  • Renata Fausti
  • Donatella Benini
  • Michele Rea
  • Anna Camposampiero
  • Francesco Pittella
  • Paolo Panzeri
  • Manuela Micelli
  • Mimmo Perrotta
  • Chiara Filoni
  • Fabrizio Madé
  • Nannicini
  • Giovanni Peta
  • Lorenzo Talarico
  • Cesare Feliciantonio
  • Annamaria Borghi
  • Denise Carine
  • Marta Autore
  • Betta Crippa
  • Gianni De Giglio
  • Massimo Gabellini
  • Maurizio Teli
  • Maria Pia Corpaci
  • Daniela Valdiserra
  • Egidio Greco
  • Giovanni Serni
  • Marinella Juvarra
  • Nello Mainente
  • Giovanni Aloe
  • Antonio De Lellis
  • Andrea Ranieri
  • Sergio Falcone
  • Emanuela Petrolati
  • Silvia Torneri
  • Nicoletta Frabboni
  • Paola Sultana
  • Susanna Crostella
  • Ursula Mathern
  • Gabriele Florisa
  • Annamaria Borghi
  • Mauro Boarelli
  • Marta Autore
  • Gianni De Giglio
  • Luciana Africani
  • Giovanni Notarangelo
  • Ennio Riva
  • Paola Toscano
  • Emanuele Penocchio
  • Matteo Loreto
  • Silvia Tornieri
  • Monica Fregoso
  • Andrea Celesia
  • Andrea De Vuono
  • Costantina Meloni
  • Raffaele Trsischitta
  • Giuliana Sanò
  • Carlo Amodeo
  • Nunzia Fontana
  • Alberto Fontana
  • Sivia Torneri
  • Adriano V. Autino
  • Giuliano Manselli
  • Barbara Barberis
  • Giulia Romani
  • Crippa Cesaramama
  • Fernando Frigerio
  • Tommaso Frigerio
  • Frigerio Alessandro
  • Mariantonia Frigerio
  • Paolo Romanelli
  • Michele Erba
  • Alessandra Crippa
  • Beatrice Conti
  • Arturo Lavorato
  • Felice D’Agostino
  • Carmela Donnantuoni
  • Alberto Scrinzi
  • Isabella Taverna
  • Maria Antonella Pandolfo
  • Gianluca Palumbo
  • Andrea Chiesa
  • Marcello Cocilovo
  • Stefy Orione
  • Giacomo Borella
  • Gabriele Fiorisa
  • Sara Panvini
  • Sonia Agnese Brioschi
  • Fausto Giussani
  • Marina Galli
  • Donatella Bersani
  • Laura Castellani
  • Alberto Cesare Muratori
  • Raffaella Villa
  • Mario De Luca
  • Maria Iervolino
  • Paolo Chianura
  • Orazio Maccarone
  • Claudio Panvini
  • Elena Felisatti
  • Marco Papini
  • Enrica Annarosa Burgio
  • Luigi Russo
  • Andrea Di Mario
  • Rocco Ornaghi
  • Mara Bastianelli
  • Irene Murgia
  • Gianni Badan
  • Guido Marini
  • Antonio Vito Empirio
  • Enza chiara Cellamare
  • Anna Maria Marcella Maggio
  • Thi Hoa Evangelisti
  • Daniela Casu
  • Giovanni Meazza
  • Rosanna Gatti
  • M. Meazza
  • Baldo Tiziana
  • Franco Romanò
  • Laura Galante
  • Ersilia Monti
  • Sergio Falcone
  • Alessandro Bianolini
  • Roberta Ferrario
  • Marcello Cicirello
  • Antonio Campigotto
  • Giorgio Osti
  • Marco Ornizzolo
  • Paolo Petrozzi
  • Fausto Di Quarto
  • Nicoletta Bernardi
  • Francesco Vittori
  • Erica Rodari
  • Claudio Avviati
  • Giuseppe Ortolano 
  • Marco Schiaffino
  • Raffaele Matacena
  • Alessandro Floris
  • Dino Fracchia
  • Lucio Cavicchioni
  • Ferruccio Gibellini
  • Kai Rasmus Becker
  • Chiara Vitrano
  • Mariangela Villa
  • Roberto Hinestrosa
  • Giunchi Romeo
  • Angela Maffei
  • Nicole Ontillera
  • Pietro Volpi
  • Luca Gatto
  • Stefano Frattini
  • Marco Ballerini
  • Maria Chiara Turchi
  • Dolores Sgariboldi
  • Lena e Patrizio Monticelli
  • Dario Ferrario
  • Marisa Abramo
  • Maurizio Locatelli
  • Tiziana Marchetti
  • Giona Mantovani
  • Frigeri A. e Bocchi G.
  • Evelina Crespi
  • Attilio Facchetti
  • Michele Satriano
  • Marianna Pingitore
  • Simone Liviero
  • Maria Pia Corpaci
  • Mariagiulia Agnoletto
  • Marco Salvaneschi
  • Rachel Shields
  • Valerio Tozzi
  • Alberto Pantaloni
  • Michele Gurrieri
  • Claudio Madella
  • Valentina Merlo
  • Alessia Manzi
  • Lorenza Erlicher
  • Martina Disoccio
  • Claudio Nicrosini
  • Franco Barracchia
  • Annalisa Dordoni
  • Erica Raimondi
  • Francesco Russo
  • Giorgio Salluzzo
  • Domenico Sala
  • Lucia Angelacci
  • Antonietta Cisonna
  • Nicola Clemente
  • Rosangela Parigi
  • Lorenzo Maestri
  • Rosario Carling
  • Carmen Bisogno
  • Gianfranco Morganti
  • Sergio Zurlo
  • Silvana Biazzi
  • Floriana Battevi
  • Elisabetta Daina
  • Anna Polo
  • Francesco Marzorati
  • Eleonora Bechis
  • Giorgio Mazzanti
  • Andrea Bianchi
  • Federica Tarasco
  • Nathalie Vigna
  • Francesco Bonacina
  • Daniel Gallano
  • Caterina Piergiovanni
  • Luca Diotti
  • Claudia Colombarolli
  • Nicolò Zanini
  • Sergio Falcone
  • Mario Torneri

SEGUONO CENTINAIA DI FIRMANTI AI BANCHETTI O VIA MAIL

 

1) MPA- Movimento dos Pequenos Agricultores Brasil

Estimados Camaradas, transmitam ao Massimo toda a solidariedade dos camponeses e camponesas do MPA, enquanto não se partilham os meios de produção, toda ocupação ou toma desses meios por trabalhadores e trabalhadoras é um direito, Justiça e liberdade para Massimo  Lettieri.

 Movimento dos Pequenos Agricultores- MPA

——————————————————————-

2) Association pour l’Autogestion, Francia

Motion pour la libération de Massimo Lettieri et de solidarité avec RiMaflow

Le 26 juillet dernier, Massimo Lettieri, president de la coopérative sociale RiMaflow, usine récupérée et autogérée depuis près de six années, située à Trezzano sul Naviglio, dans la banlieue de Milan, a été arrêté et incarcéré à Salerne. En tant que représentant de RiMaflow, il est poursuivi avec l’accusation d’association de malfaiteurs pour traitement illégal de déchets.

Les échanges que RiMaflow a pu avoir avec certaines sociétés ne démontrent pas une connexion avec le crime organisé, d’autant que les travailleur-se-s de RiMaflow et la coopérative ont toujours soutenu le travail et les investigations de DDA (Direction anti mafia).

L’incarcération de Massimo et la séquestration des biens mobiliers et immobiliers de la coopérative mettent en péril l’activité de RiMaflow. Certains parient sur le fait que dans plusieurs mois quand la vérité aura pu être démontrée, l’expérience autogestionnaire n’existe plus.

L’association pour l’autogestion (France), réunie en Assemblée générale, ce jour, exprime sa solidarité avec la coopérative sociale RiMaflow et demande la libération de Massimo Lettieri. Elle appelle à un grand mouvement international de solidarité.

RiMaflow vivra !

Vive l’autogestion  et l’auto-organisation des travailleur-se-s ! 

Fait à Paris, le 8 septembre 2018

——————————————————————-

3) CARITAS AMBROSIANA – Zona VI Melegnano (MI)

Milano 28 luglio 2018

Io sottoscritto don Massimo Mapelli, nato a lecco il 05 05 1972 e residente a Milano in via Brambilla 10, responsabile per la Caritas Ambrosiana della zona sud di Milano dichiaro di conoscere l’esperienza di Rimaflow fin dal suo inizio.

Posso affermare che Rimaflow in tutte le sue articolazioni associative e di cooperativa è stato un importante strumento sul territorio per diverse lodevoli attività.

Intanto quando la Maflow chiuse lasciando a casa 330 operai e abbandonando la fabbrica l’operato di Rimaflow è stato determinante per poter ridare dignità e senso di appartenenza ai lavoratori e alle loro famiglie. Una parte di quei lavoratori si sono poi riorganizzati ricostruendosi un lavoro con una regolare cooperativa.

Inoltre posso affermare che l’operato della cooperativa e di Rimaflow in genere è diventato un importante punto di riferimento per il lavoro sociale del territorio.

Ha dato la possibilità a tante persone disoccupate e sfiduciate di trovare un luogo per ripartire e poter ritrovare insieme ad un minimo di salario una dignità e un importante luogo di condivisone e di rinascita.

Rimaflow è divenuto così un importante attore di una rete sociale del territorio che cerca di venire incontro alle tantissime emergenze sociali che un luogo come la periferia di una grande città metropolitana come Milano produce regolarmente insieme ad un tasso di sofferenza urbana che può trovare sollievo solo in una rete di soggetti che condividono la necessità di ridare dignità e benessere a chi è caduto in basso.

In sostanza posso senza ombra di dubbio affermare che Rimaflow attraverso le sue diverse attività lavorative (la cooperativa e le botteghe artigiane), le sue attività culturali e di promozione di una rete di acquisto solidale equo e popolare, la sua attività di collaborazione con le diverse realtà sociali del territorio in questi anni ha contribuito a dare un volto più solidale e umano alla periferia e alla realtà urbana nella quale è collocata.

Don Massimo Mapelli

Responsabile Zona VI Caritas Ambrosiana

——————————————————————-

4) Carissimi

vi invio il mio messaggio di sostegno a tutte le iniziative in corso.

un abbraccio.

Pieno sostegno alla parola d’ordine “Ri-Maflow vivrà” e a tutte le iniziative conseguenti, così come indicato dai lavoratori e dagli artigiani della fabbrica recuperata e da tante associazioni e cittadini.

Nel rispetto dei ruoli è necessario che la magistratura chiarisca molto rapidamente le responsabilità nell’indagine in corso sul traffico illecito di rifiuti, anche per tutelare il ruolo e la persona del presidente Massimo Lettieri.

Come sempre vicinanza a tutte e tutti quelli che hanno costruito con fatica e competenza Ri-Maflow, punto essenziale di riferimento delle lotte per il lavoro e la dignità.

Massimo Gatti

già Consigliere provinciale di Milano

9 agosto 2018

——————————————————————-

5) Commonfare – Andrea Fumagalli

Ri-Maflow è una fabbrica recuperata che si trova a Trezzano sul Naviglio, nei pressi di Milano. Al suo interno hanno preso vita 35 botteghe artigiane e svariate attività lavorative e ricreative che impiegano oggi circa 80 persone. Un esempio virtuoso di comunità operaia che reagisce al licenziamento e alla delocalizzazione autorganizzandosi. Valorizzando competenze e desideri, si sono combattuti impoverimento e precarietà, contribuendo alla rigenerazione urbana e ai servizi per il territorio circostante. Operai, artigiani, precari hanno trovato in questo stabilimento, chiuso dopo la vendita a una società polacca e destinato a diventare uno delle tante carcasse vuote che testimoniano il declino economico italiano, lo spazio per ricostruirsi un futuro lavorativo e lo hanno fatto senza trascurare un aspetto importante: la solidarietà. Tra le varie attività svolte in via Boccaccio c’è anche la collaborazione con l’associazione Libera, la valorizzazione della filiera alimentare a km 0, la realizzazione dell’amaro partigiano. Insomma, il tentativo è quello di creare un’economia solidale, capace di infrangere gli schemi del “libero mercato” basato esclusivamente sul profitto.

Per tale motivo la storia di Ri-Maflow è stata spesso presa ad esempio, diventando anche oggetto di analisi, documentari e inchieste. Anche i ricercatori del progetto europeo Commonfare.net/PieNewshanno ritenuto estremamente interessante questa esperienza e l’hanno ricompresa tra le buone pratiche di welfare bottom up, da segnalare tra Milano e Roma. Si tratta di pratiche socialmente innovative, generate dal basso, fondate su attivismo civico, responsabilità e sussidiarietà che si sviluppano nel campo del lavoro, dell’abitare, dell’educazione, della sanità, della cultura. Nel libro Generazione Precarie (Common Book Series) è possibile leggere i risultati dell’inchiesta effettuata in luogo.

Tra le altre attività, Ri-Maflow ha operato anche nel settore del riciclo della carta da parati, proprio per contrastare il crescente potere mafioso nel settore.  Il 27 luglio, un’inchiesta della procura di Milano ha portato al sequestro di sei imprese dedicate al riciclaggio dei rifiuti e all’arresto di nove persone, tra i quali Massimo Lettieri, presidente della cooperativa Ri-Maflow e al sequestro di un capannone della stessa Ri-Maflow. L’accusa è di trattamento illecito dei rifiuti.

Immediati gli attestati di solidarietà, sia a livello nazionale che internazionale, dalla Rete dei Numeri Pari (una rete di associazioni, inclusa Libera, che promuoveva le proposte di reddito di base e attività assistenziali) alla Fiom-Cgil (il più importante sindacato metalmeccanico).

La solidarietà verso i lavoratori di Ri-Maflow è stata espressa anche a livello locale da don Massimo Mapelli di Caritas Milano, da don Franco Colombini parroco di Trezzano, da Marco Cabassi (imprenditore edile sensibile ai temi sociali, ben noto a Milano) e don Gino Rigoldi (fondatore di “Comunità Nuova”) che da anni segue e sostiene attivamente il progetto RiMaflow
Proprio per sottolineare l’assurdità di questa accusa, Ri-Maflow è attualmente impegnata in un progetto del Politecnico di Milano e dell’Amministrazione Penitenziaria con la collaborazione del Gruppo di Trasgressione. RiMaflow ha partecipato con i suoi artigiani alla costruzione di una struttura di incontro per i detenuti e le loro famiglie che verrà inaugurata il prossimo ottobre nel giardino della prigione di Bollate, a nord di Milano.

“Ricavare materia prima dalla carta da parati è stata una sperimentazione sospesa qualche mese fa” – dichiara Luca Federici, responsabile comunicazione di Ri-Maflow – “A conti fatti, si è rivelata particolarmente onerosa e ci ha provocato una perdita, altro che guadagni. Per smaltirla correttamente separavamo la cellulosa dal PVC. Poi consegnavamo i materiali ai nostri committenti. Tutto è corredato da documenti di trasporto e dalle fatture emesse verso le aziende per cui effettuavamo il lavoro e a cui lo consegnavamo. Non sappiamo nulla dell’iter successivo di questi materiali”. Non solo: per questa attività manifatturiera che la cooperativa di lavoro considerava la possibile chiave di volta, un filone che poteva garantire un salario e un lavoro ai soci-lavoratori, Ri-Maflow aveva coinvolto diverse autorità. “I nostri progetti li abbiamo portati avanti nella massima trasparenza – prosegue Luca – e proprio in questo capannone abbiamo invitato a più riprese molti enti tra cui Città Metropolitana, Amsa e A2A a un sopralluogo. Abbiamo chiesto aiuto anche al Politecnico di Milano: volevamo brevettare il macchinario».

Solidarietà verso i lavoratori di Ri-Maflow è stata espressa da don Massimo Mapelli di Caritas Milano, da don Franco Colombini parroco di Trezzano, da Marco Cabassi e don Gino Rigoldi che da anni seguono e sostengono attivamente il progetto RiMaflow.

Come consorzio Pie News / Commonfare non possiamo entrare nel merito della vicenda e lasciamo la parola ai diretti interessati, tuttavia vogliamo sottolineare quanto sia importante un progetto come quello di Ri-Maflow che sollecita la potenza sociale della cooperazione, delle relazioni, della partecipazione. Inoltre, abbiamo visitato la fabbrica il 28 marzo 2018. 

25 agosto 2018

——————————————————————- 

6) Caro Gigi, cari tutti,

esprimo tutta la mia solidarietà con la cooperativa Ri-Maflow a seguito di quanto avvenuto ieri, e dell’arresto di Massimo Lettieri.

Ri-Maflow è un’esperienza importante di mutualismo sociale e di economia solidale sul nostro territorio, protagonista di reti come Miseria Ladra e Fuori Mercato, la correttezza e trasparenza del suo operare sono sempre state sotto gli occhi di tutti. Ri-Maflow non può essere considerata in alcun modo corresponsabile di comportamenti illeciti attribuiti ad altri soggetti.

Un grande abbraccio,

Giovanna Procacci

(referente in Lombardia delle campagne sociali di Libera)

27 luglio 2018

——————————————————————-

7) Parrocchia S.Ambrogio V. e D. Trezzano sul Naviglio (Mi) – 29 luglio 2018

Come Parroco, ho seguito l’esperienza della Maflow da quando nel 2007 gli operai si organizzarono per difendere il posto di lavoro. La Parrocchia fu al loro fianco. Il vicario Episcopale di allora – oggi Arcivescovo di Milano – S.E. Mons. Mario Delpini celebrò la Messa in fabbrica per sostenerli, infondere coraggio, invitarli a perseverare. La nuova proprietà nel 2012 si trasferì in Polonia.

Il licenziamento, anziché scoraggiare, accese l’entusiasmo e la voglia di fare. Si accorsero di avere tra le mani l’opportunità di crescere, costruire, realizzare. Si unirono nell’Associazione Occupy Maflow. Cercarono nuovi sbocchi occupazionali. Inventarono attività lavorative, alcune con esito positivo, altre no. Si confrontarono con tante esperienze. Ad una strada che si chiudeva, un’altra si apriva. A guidarli è sempre stata la ricerca del lavoro e l’assillo del pane quotidiano per la famiglia. Si andava verso i tempi difficili della crisi economica ed essi non hanno voluto pesare sulla comunità facendosi assistere dalla Caritas o dai Servizi Sociali, ma si sono dati da fare rimboccandosi le maniche. Ho sempre ammirato in loro la tenacia, la fantasia, la buona volontà. Hanno raggiunto traguardi importanti, pur in mezzo a mille ostacoli e difficoltà.

Si sono lasciati guidare dal sogno di un’impresa da gestire nella condivisione della fatica, dei sacrifici, degli utili, come una sola famiglia, una comune, un Kibbutz. Hanno fatto della fabbrica una casa, una comunità di persone che si vogliono bene, legate da vincoli di amicizia e fraternità. Si sostengono, si aiutano, condividono i momenti gioiosi e affrontano quelli della prova. Per me è bello recarmi da loro e trovarmi in famiglia.

Pur nelle ristrettezze economiche sono rimasti aperti alla solidarietà. Hanno accolto stranieri e senza fissa dimora, mettendo a disposizione gli uffici come fossero camere, sottraendoli alla strada, fino a raggiungere una sistemazione dignitosa.

Le mie parole non giustificano gli erropri, ma posso dire che, al di là degli sbagli, essi sono nella comunità un esempio di fierezza, fortezza, dignità, come si addice a padri e madri di famiglia.

Don Franco Colombini – Parroco

——————————————————————-

8) Cari lavoratori,

Come sempre tante cose che sembrano di altri tempi in realtà possono manifestare il futuro, come quello di imprese che sono gestite, riconvertite e salvate nei momenti di crisi tenendo a mente tutti gli interessi coinvolti.

Manifesto a voi la solidarietà del nostro oratorio, sapendo che quando si cerca di fare onestà, il Male le prova tutte per screditare, diffamare ed ingannare… purtroppo ci sono momenti duri, vi siamo vicini in attesa che passino.

Don Nicola (parroco di S. Lorenzo – Trezzano sul Naviglio) – 27 luglio 2018

——————————————————————-

9) La CUB esprime la sua solidarietà a massimo Lettieri e a tutti i compagni della RiMaflow di Trezzano sul Naviglio

Gli operai della Maflow, organizzati con la Flmuniti – CUB, hanno lottato dapprima contro la chiusura dello stabilimento e successivamente contro la delocalizzazione in Polonia.
La cooperativa RiMaflow nasce proprio per dare dignità e reddito a chi ha subito sulla sua pelle le brutalità del neoliberismo. In poco tempo si è trasformata in un punto di riferimento solidale per tutto il territorio circostante. Per tutto questo non abbiamo timore a dire Massimo libero subito!

28 luglio 2018

——————————————————————-

10) Federazione Impiegati Operai Metallurgici di Milano

Solidarietà e sostegno della Fiom di Milano alla Ri-maflow e al suo presidente Massimo Lettieri

La Fiom di Milano esprime la propria solidarietà e il proprio sostegno alla cooperativa Ri-maflow che la scorsa settimana si è vista sequestrare un capannone nel quale svolgevano le attività e arrestare il suo presidente Massimo Lettieri.

La Fiom ha sempre sostenuto la Ri-maflow, nata per tentare, attraverso il recupero di una fabbrica chiusa di Trezzano sul Naviglio, di restituire la dignità a chi si era trovato privato del lavoro e di un reddito.

La Ri-maflow è da sempre è impegnata nella difesa dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori e dell’ambiente; è nata proprio per il riciclo pulito e rappresenta un presidio di legalità e contrasto alla criminalità organizzata.

La Fiom di Milano chiede agli organi inquirenti di fare piena luce sulla vicenda in tempi rapidi in quanto ritiene che la Ri-maflow e il suo presidente Massimo Lettieri siano totalmente estranei ai fatti. La cooperativa deve al più presto poter proseguire la positiva attività sociale svolta sul territorio fino ad oggi.

Fiom Cgil Milano

 31 luglio 2018

——————————————————————-

11) Giù le mani dalla Ri-maflow: solidarietà e sostegno alla cooperativa e al Presidente Massimo Lettieri.

Il coordinatore nazionale della Rete dei Numeri Pari, Giuseppe De Marzo, esprime la sua solidarietà e il suo sostegno ai lavoratori, alle lavoratrici e al Presidente della Cooperativa Ri-maflow, Massimo Lettieri, per quanto accaduto oggi.

“È gravissimo e paradossale – afferma De Marzo – che sia stata colpita una cooperativa e il suo presidente, che da anni si impegnano nella difesa dei diritti dei lavoratori e dell’ambiente in un territorio in cui per anni hanno rappresentato l’unico presidio di legalità e contrasto alla criminalità organizzata”.  Continua affermando che “tutte le attività portate avanti dalla cooperativa, hanno come unica colpa quella di aver dimostrato che è possibile coniugare la riconversione ecologica  delle attività produttive con la creazione di posti di lavoro e la difesa del territorio”.

Infine “chiediamo quindi che Massimo Lettieri venga rimesso in libertà e che gli venga restituita la dignità che merita per l’impegno che ha da sempre dimostrato accanto ai lavoratori e alle lavoratrici della cooperativa Ri-maflow”.

26 luglio 2018

——————————————————————- 

12) Casa Memoria “Felicia e Peppino Impastato”, Cinisi

Casa Memoria “Felicia e Peppino Impastato” firma l’appello in solidarietà di Massimo Lettieri e Rimaflow. “Con la nostra solidarietà chiediamo che si chiarisca tutto prima possibile, con l’immediata scarcerazione di Massimo Lettieri, attivista politico impegnato da anni nel sociale, che riteniamo estraneo alla vicenda.”

3 settembre 2018

——————————————————————-

13) Il collettivo Archivi della Resistenza (Fosdinovo) esprime tutta la propria vicinanza a Massimo e agli operai e alle operaie della RIMaflow! nostri compagni e nostri fratelli! Massimo Libero!

27 luglio 2018

——————————————————————-

14) Rete Italiana di Economia Solidale

RiMAFLOW VIVRA’!!!

Ri-MAFLOW attraverso le sue diverse attività lavorative (la Cooperativa e le botteghe artigiane), le sue attività culturali e la promozione di una rete di economia sociale e popolare Fuorimercato, ha contribuito a dare un volto più solidale e umano alle periferie e alla realtà del territorio del Sud-Ovest milanese, diventando riferimento importante anche a livello internazionale per il riscatto dei settori sociali più deboli.

L’inchiesta in cui è stata coinvolta con l’accusa di associazione a delinquere è paradossale, proprio per il profondo valore etico e sociale messo in campo dai suoi lavoratori e dalle sue lavoratrici.

L’indagine della magistratura non può cancellare tutta la comunità di RiMaflow: la Cooperativa deve tornare a vivere e il suo legale rappresentante tornare subito in libertà!

Esprimiamo la più grande solidarietà a RiMaflow, augurandoci che questa vicenda si risolva nel migliore dei modi e in tempi molto brevi, per il bene della cooperativa, di chi sta scontando un’ingiusta carcerazione e delle famiglie dei lavoratori che rimarranno a lungo senza stipendio.

il Tavolo Rete Economia Solidale – Rete Italiana di Economia Solidale

4 settembre 2018

——————————————————————-

15) Il Naga esprime solidarietà e sostegno al presidente e ai soci della cooperativa RiMaflow in questo momento di angosciante attesa, confidando che al più presto venga fatta chiarezza.
Per il Naga
Fausto Fenaroli

30 luglio 2018

——————————————————————-

16) Dalla rete di Genuino Clandestino:

Abbiamo appreso in queste ore dell’attacco alla cooperativa Rimaflow con grande preoccupazione e rabbia
Esprimiamo la nostra solidarietà all’esperienza della fabbrica occupata Rimaflow e alle attività che i compagni e le compagne hanno messo in essere in questi anni di autogestione. Sappiamo bene come si scelga la strada della diffamazione e della criminalizzazione delle esperienze scomode che fanno intravedere nuove strade possibili dove mutualismo e autogestione sostituiscono isolamento, concorrenza e sfruttamento del lavoro .
Siamo al vostro fianco e attendiamo notizie e sviluppi della vicenda per poter coordinare con voi forme di aiuto e mobilitazione.

Coraggio compagni e compagne ,

RIMAFOW NON SI TOCCA !!!

Seguono firme…

——————————————————————-

17) Campo giovani IV Internazionale, Billund, Danimarca

Questo comunicato è stato adottato al meeting finale del 35esimo Campo dei/le giovani rivoluzionari/e, ospitato a Billund in Danimarca dal SUF.

Giovedì 26 luglio abbiamo ricevuto una notizia davvero brutta e preoccupante dall’Italia: Massimo Lettieri, presidente della cooperativa RiMaflow, la fabbrica autogestita di Trezzano sul Naviglio, vicino Milano, è stato arrestato.

È stato ingiustamente coinvolto, insieme a RiMaflow, in un’indagine della polizia su un traffico illecito di rifiuti.

Si tratta di un’accusa assurda, dato che RiMaflow lavora fin dall’inizio su progetti ecologici, proponendo progetti di riciclo con materiali di scarto. Inoltre, la cooperativa si trova in un percorso di regolarizzazione con le istituzioni locali. Ancora più assurda è la presunta connessione tra RiMaflow e la criminalità organizzata, se pensiamo agli sforzi compiuti da RiMaflow contro lo sfruttamento dei lavoratori e delle lavoratrici e contro gli interessi mafiosi nella città e nella periferia di Milano.

Ne frattempo è stato decretato dal giudice il sequestro di parte delle strutture della fabbrica e degli ingressi economici, utilizzati per pagare lo stipendio agli operai e alle operaie.

Massimo Lettieri venne al campo giovani in Grecia diversi anni fa per un intervento sui temi dell’autogestione, dell’autorganizzazione e dell’economia dei lavoratori e delle lavoratrici.

Il contributo di tali esempi ed esperienze è stato fondamentale per le attività di formazione del campo giovani e anche per molte organizzazioni politiche in tutto il mondo.

Per questo motivo consideriamo urgente dimostrare tutta la solidarietà possibile a coloro che ci hanno mostrato cosa può arrivare a fare la solidarietà dei lavoratori e delle lavoratrici. Dimostrare la nostra solidarietà a RiMaflow, ai lavoratori/trici della cooperativa e a Massimo in persona.

Dal 35esimo Campo dei/le giovani rivoluzionari/e chiediamo la liberazione di Massimo Lettieri e la cessazione immediata della criminalizzazione di RiMaflow. Chiamiamo quindi alla solidarietà internazionale.

La lotta di RiMaflow è la nostra lotta.

Difendiamo l’autogestione e l’autorganizzazione dei lavoratori e delle lavoratrici!
Massimo libero!

****

This statement was adopted at the closing rally of the 35th International Revolutionary Youth Camp, hosted in Billund, Denmark by the SUF.

On Thursday, 26 July, we received really bad and troubling news from Italy: Massimo Lettieri, president of the RiMaflow cooperative, the self-managed occupied factory in Trezzano sul Naviglio, near Milano, has been arrested.

He has been wrongly implicated, along with RiMaflow, in a police investigation on illegal trafficking of waste.

This is an absurd charge, since RiMaflow has worked from the beginning with ecological projects, proposing recycling projects for waste materials. In fact the cooperative is also in a regularization process with the local authorities. The presumed connection between RiMaflow and criminal organisations is even more absurd if we think about the efforts Ri-Maflow has made against workers’ exploitation and Mafia issues in the city and the suburbs of Milan.

In the meanwhile the appropriation of part of the factory facilities has been decreed by the judge, and money intended to be used for workers’ wage also seized.

Massimo Lettieri came to a youth camp in Greece several years ago to speak about workers’ self-management, workers’ self-organisation and workers’ economy.

The contribution of such examples and experiences has been fundamental in the youth camp’s educational activities and also for many political organisation around the world.

That’s why we consider urgent to show all the possible solidarity to those who have shown us what workers solidarity can do. To show our solidarity to RiMaflow, to RiMaflow cooperative workers and to Massimo himself.

From the 35th International Revolutionary Youth Camp we demand the liberation of Massimo Lettieri and an immediate halt to the criminalisation of RiMaflow. We also call for international solidarity.

The RiMaflow struggle is our struggle.

Let’s defend workers’ self-management and workers’ self-organisation!
Free Massimo!

——————————————————————-

18) Liberi e Uguali – Milano

Liberi e Uguali è vicino ai lavoratori e alle lavoratrici di Rimaflow, che da anni danno vita a una esperienza concreta di fabbrica recuperata per produrre un reddito secondo i principi del mutuo soccorso, dell’uguaglianza e dell’autogestione, pur in un contesto normativo e amministrativo che ostacola queste esperienze, in un sistema finanziario che penalizza chi avvia una attività in mancanza di un capitale iniziale se non il proprio lavoro e in un ambiente che ha visto coi propri occhi l’infiltrazione mafiosa.
Un’esperienza che da sempre ha avuto la vicinanza e l’apprezzamento di un mondo associativo ampio, delle forze politiche sindacali e sociali, l’attenzione e la solidarietà del mondo cattolico e la cooperazione con realtà importanti come Libera e Caritas.
Ci auguriamo che con la liberazione di Massimo Lettieri, cui esprimiamo la nostra solidarietà, Rimaflow possa rafforzare e consolidare questa esperienza in cui la difesa del posto di lavoro si accompagna a scelte organizzative e produttive ispirate a criteri etici di sostenibilità e solidarietà.